BODY & FACE REBIRTH

Massaggio decontratturante

Massaggio decontratturante

La contrattura è una condizione “normale” dell’apparato locomotore. Che si tratti di problematiche dovute ad attività sportiva, problematiche posturali, lavorative o legate allo stress, il massaggio decontratturante trova applicazione in numerosissimi casi e situazioni.

Il massaggio decontratturante non è un massaggio rilassante. È importante che la persona trattata sia cosciente di questo, poiché molto spesso non vi è un’adeguata informazione in merito. In linea di principio il massaggio decontratturante non può essere definito “rilassante” e ciò perché le manualità andranno esercitate con una intensità e profondità ben diversa rispetto un normale massaggio rilassante.

La contrazione muscolare obbedisce alla legge del tutto o niente.

Contrazione isometrica o statica

È una contrazione nella quale non avviene movimento, perché il peso sul muscolo supera la tensione generata contraendo il muscolo. Questo accade quando un muscolo tenta di spingere o tirare un oggetto irremovibile.

Contrazione isotonica o dinamica

È una contrazione nella quale il movimento avviene, perché la tensione generata dalla contrazione del muscolo supera il peso sul muscolo. Questo accade quando si usano i muscoli e si riesce a spingere o tirare un oggetto.

Il massaggio

La contrattura muscolare è un atto di difesa vera e proprio. La contrattura nasce solitamente quando il tessuto muscolare viene meccanicamente ed eccessivamente sollecitato oltre il suo limite di sopportazione fisiologico. L’eccessivo carico innesca un meccanismo di autodifesa che porta il muscolo a contrarsi involontariamente. Nella contrattura non vi è una rottura delle fibre che compongono il muscolo, ma vi è quindi solo un’alterata capacità contrattile.

Le cause, per quel che riguarda l’aspetto meccanico, non sono state ancora ben definite ed accertate. Si ipotizza che in qualche maniera vi sia una correlazione tra la mancanza di riscaldamento generale e specifico, una preparazione fisica non idonea, sollecitazioni eccessive e ripetute, movimenti bruschi violenti, squilibri posturali e muscolari.

La sintomatologia della contrattura è molto simile a quella del crampo, con la differenza che il crampo è legato più a fattori energetico-metabolici che a fattori meccanici e che i tempi di guarigione sono minori rispetto a quelli della contrattura. Il soggetto colpito da una contrattura solitamente avverte un dolore modesto e diffuso lungo l’area muscolare interessata.

Il particolare aumento di tono che contraddistingue la contrattura, viene percepita piuttosto chiaramente. La palpazione consente di capire quanto appena descritto.

INDICAZIONI E CONTROINDICAZIONI
Benefici:
– riduzione delle tensioni muscolari;
– incremento dell’ossigenazione tessutale;
– miglioramento della circolazione sanguigna e linfatica;
– eliminazione delle tossine e delle sostanze di rifiuto;
– maggiore mobilità articolare.

Controindicazioni:
– malattie della pelle;
– patologie cardiocircolatorie;
– gravidanza;                                                  – ;
– traumi e strappi muscolari;
– fratture (comunque non prima di 40-60 giorni);
– stati febbrili o infiammatori;
– neoplasie;
– malattie infettive;
– mestruazioni.

Contattami